Conoscere per capire

07/11/17

Antico e trendy al tempo stesso

ANTICO

Possiamo chiamarlo col fondo alla maniera contadina, sur lies o sui lieviti nel linguaggio degli enotecnici, metodo ancestrale per il compiacere gli antropologi: parliamo in ogni caso di un vino antico riemerso dalla memoria e da primitive pratiche di cantina per conquistare la generazione dei social networks.

21/03/16

Il vignaiolo filosofo e la sua terra

Prima e dopo Mario Schiopetto

«Il vignaiolo filosofo»: è così che Burton Anderson con due parole ci fa capire la modernità di Mario Schiopetto e perché abbia rivoluzionato la storia enologica del Collio, facendone una delle terre da vino d’eccellenza sulla scena internazionale, a partire dai 16 ettari inizialmente condotti in affitto e poi acquistati nel 1989 dall’Arcivescovado di Gorizia a Spessa di Capriva. «Mario Schiopetto che, alla sua maniera discreta, è stato il primo a rendere elegante il Collio» – è sempre Anderson che parla – soprattutto con un Pinot Bianco per il quale vi rinviamo alle note di degustazione nel box superiore sinistro, nasce nel 1930 figlio dell’apprezzato oste dell’udinese “Ai Pompieri” e nel 1965 affronta la scelta di farsi vignaiolo, interrogandosi sulle cosiddette “ragioni prime” come appunto fanno i filosofi.

24/04/15

Finages - Appellazioni e Vignerons Ancestrali di Borgogna: il progetto completo

Torniamo, giusto tre anni dopo, a completare il percorso di conoscenza della Borgogna avviato nel 2012 con la la parte settentrionale della cosiddetta Côte d’Or, ovvero la Côte des Nuits e la cosiddetta Île de Corton, la parte nord della Côte de Beaune,  occupandoci stavolta della Côte de Beaune, dal capoluogo verso sud. Prima, però, consentiteci di riproporvi nelle grandi linee la presentazione di allora per capire il contesto in cui si colloca anche questo secondo appuntamento.

28/03/14

e torniamo a parlare d'Amarone

All'Amarone fu dedicata (era il 2007) la prima cover story del nostro sito, sicché della Valpolicella, della sua storia e del suo inimitabile terroir, di questa tipologia di vino che ha pochissimi concorrenti abbiamo parlato, speriamo modo esauriente compatibilmente con gli spazi consentiti dal web, perciò se siete interessati ad approfondire la questione v'invitiamo a seguire il link evidenziato. Qui troverete, tra l'altro la distinzione tra quella che viene definita la Valpolicella classica e l'area detta Valpolicella allargata.

08/11/13

Portoghese di nascita, britannico d'adozione

È portoghese, il Porto, ma a decretarne la secolare fortuna sono stati gli Inglesi, come per lo spagnolo Xeres, che per molti resta definitivamente Sherry secondo la dizione britannica, ed il Bordeaux: il vino buono, infatti, da sempre costa e la borghesia britannica, che ha avviato e poi portato al successo il capitalismo, pur vivendo in una terra poco idonea alla coltivazione della vite ha potuto per centinaia d'anni permettersi al riguardo il meglio, analogamente ad un'altra antica potenza imperiale, quella romana.

Successivo

Appuntamenti

Non ci sono eventi futuri.

La tua mail